domenica 22 luglio 2012

Rollmops

Rollmops Rotolini di aringa affumicata ... una delizia per palati forti! Tipici dei Paesi del Nord Europa, usati come antipasto o snack.

Tempo di preparazione
45 minuti


Difficoltà della ricetta
Ricetta Facile

Ingredienti
400 gr di filetti di aringhe affumicate
200 gr di cetriolini sott'aceto
3 cucchiai di senape forte
per la marinata
200 ml di aceto di mele (o di vino bianco)
200 ml di acqua

1 cipolla
1 cucchiaino di zucchero di canna
alloro, ginepro, pepe in grani q.b.

le dosi di questa ricetta bastano per 12 Rollmops circa, sufficenti per 4 persone


Preparazione
Mettete i filetti di aringhe a bagno in acqua fredda per qualche ora, oppure lasciateli sotto un filo di acqua per un'ora almeno, in modo che perdano un po' del loro sale.
Sciacquateli abbondantemente, poi asciugateli con della carta da cucina e con un coltello molto affilato apriteli in due.

Nel frattempo preparate la marinata: mettete l'aceto, l'acqua e gli altri ingredienti in una pentola e portate a bollore, lasciando sobbollire per 10 minuti circa.

Per assemblare i Rollmops spalmate i filetti di senape, quindi arrotolateli ciascuno attorno ad un cetriolino; se troppo grossi, divideteli a spicchi.
Potete fermare il rotolino con uno stecchino, ma provate a farlo senza, risulta poi più pratico per metterli nel vaso.

Filtrate la marinata ancora calda, tenete le cipolle e tagliatele a julienne.

Mettete i rotolini in vasetti da conserva, insieme alle cipolle, quindi coprite con la marinata.
Chiudete con un coperchio, lasciate raffreddare, quindi conservare in frigorifero 3-4 giorni prima di consumarli.

Servirli preferibilmente con pane integrale o crostini di segale.


Immagini


Note
Pare che i Rollmops siano considerati particolarmente adatti per il cosiddetto Katerfrühstück, una colazione (!) per rimediare ai postumi di una sbronza.


www.lacabana.it

sabato 7 aprile 2012

Tortelli di bietole con crema ai carciofi


Cogliamo il meglio della primavera ... ripieno alle bietole e condimento ai carciofi! Un primo piatto di magro adatto al periodo pasquale.

Tempo di preparazione

2 ore e 30 minuti

Difficoltà della ricetta

Ricetta Facile

Ingredienti
per i tortelli
750 gr di bietole (da pulire)
250 gr di farina 00
2 uova
2 cucchiai di parmigiano
150 gr di ricotta
maggiorana, noce moscata q.b.

per la salsa

2 - 3 carciofi
100 ml di panna da cucina
2 cucchiai di parmigiano
cipolla, aglio, prezzemolo q.b.
le dosi di questa ricetta bastano per 4 persone

Preparazione
Preparare innanzitutto la sfoglia: in una ciotola mettere la farina e le uova, aggiungendo qualche pizzico di sale. Mescolare con un mestolo di legno, quindi impastare sulla spianatoia leggermente infarinata; se l'impasto risultasse troppo sodo, aggiungere un poco d'acqua. Impastare a lungo (almeno 15 min.) per avere un impasto sodo e liscio. Mettere a riposare per circa 30 min. avvolto nella pellicola.

Per preparare il ripieno dei tortelli, pulire le bietole eliminando i gambi e lavando accuratamente le foglie.
Cuocere a vapore le bietole per 15 minuti circa, quindi lasciare intiepidire.
Strizzare le foglie per eliminare l'acqua in eccesso, metterle in una ciotola e frullarle con il frullino ad immersione.
Aggiungere la ricotta, la maggiorana e la noce moscata, quindi mescolare il tutto accuratamente. Il composto dovrà risultare compatto ed abbastanza asciutto.

Tirare la sfoglia con il mattarello o l'apposita macchina, fino ad ottenere una sfoglia moto sottile (circa 1/2 mm). Formare i tortelli con uno stampo o tagliando dei dischi con un coppapasta, mettendo in ciascuno un'adeguata quantità di ripieno. Sigillare bene i bordi.

Per preparare la salsa, pulire accuratamente i carciofi, immergendoli in acqua acidulata con un po' di succo di limone per evitare che anneriscano.
Soffriggere in una padella uno spicchio d'aglio mondato e un po' di cipolla tritata finemente in un filo d'olio.
Aggiungere i carciofi tagliati a fettine e un pizzico di sale. Soffriggere per un paio di minuti a fuoco vivo, quindi sfumare con del vino bianco secco, aggiungere mezzo bicchiere d'acqua e cuocere coperto a fuoco basso per 20 minuti circa. A fine cottura aggiungere un poco di prezzemolo tritato.
Mettere i carciofi in una ciotola e ridurli in crema con il frullino ad immersione. Aggiungere la panna ed il parmigiano, mescolando accuratamente.

Cuocere i tortelli in abbondante acqua salata, scolare accuratamente e condire con la salsa; allungare la salsa con un poco di acqua di cottura se risultasse troppo densa.


Immagini

domenica 18 marzo 2012

Risotto Melanzane e Spada

Risotto Melanzana e Spada
Un risotto con un inconsueto abbinamento "mare e monti", che fa incontrare i sapori decisi dei due ingredienti principali.

Tempo di preparazione
1 ora e 15 minuti


Difficoltà della ricetta

Ricetta Facile


Ingredienti
300 gr di riso (consigliato Carnaroli)
300 gr di tranci di pesce spada
1 melanzana media (250 gr circa)
1 scalogno
verdure per brodo vegetale (es.: carota, zucchina, sedano, porro) q.b.

le dosi di questa ricetta bastano per 4 persone


Preparazione
Preparare innanzitutto un lt. di brodo vegetale, facendo cuocere le verdure 1 ora circa.

Tagliare la melanzana a cubetti e tritare grossolanamente lo scalogno.

Fare soffriggere lo scalogno in una casseruola con un po' d'olio, quindi aggiungere la malenzana.

Sfumare con del vino bianco, quindi aggiungere un poco di brodo, incoperchiare ed abbassare la fiamma.
Stufare per 20 minuti circa.

Tostare il riso in una padella antiaderente, quindi aggiungerlo nella casseruola.
Mescolare per fare insaporire, quindi coprire con il brodo.

Pulire il pesce spada dalla pelle e dalle parti cartilaginose, quindi tagliarlo a striscioline.
Aggiungerlo al riso 5 minuti prima della fine della cottura: è meglio non cuocerlo troppo in modo che non resti asciutto.


Immagini


Note

mercoledì 14 marzo 2012

Insalata al baccalà, carciofi e cavolo nero


Da un'idea di Fabio Picchi, il simpatico chef fiorentino. Un'insalata con ingredienti di stagione, dai sapori decisi che si combinano in modo magistrale.

Tempo di preparazione
15 minuti, più il tempo per dissalare il baccalà


Difficoltà della ricetta

Ricetta Facilissima


Ingredienti
400 gr di baccalà (già bagnato)
3 carciofi
500 gr di cavolo nero (già pulito)
olio e pepe, q.b.

le dosi di questa ricetta bastano per 4 persone


Preparazione
Cuocere il cavolo nero a vapore per circa 15 minuti, dovrà restare croccante.
Passarlo subito sotto abbondante acqua fredda per fermare la cottura.

Fare ulterioremente dissalare il baccalà, se risultassa ancora troppo salato, mettendolo sotto un filo di acqua fredda per un po' di tempo.

Pulire i carciofi immergendoli in acqua acidulata con del succo di limone.

Spadellare per qualche minuto il baccalà con un filo d'olio.

Affettare sottilmente i carciofi ed il cavolo nero, mettendo il tutto in una ciotola.

Aggiungere il baccalà fatto a tocchetti, mescolando delicatamente.
Lasciare macerare per una mezz'ora almeno prima di servire.


Immagini


Note

domenica 11 marzo 2012

Latte in Piedi alla Per...Bacco!


Un dolce delizioso e morbidissimo, come lo preparano (o quasi) in un simpatico ristorantino della Lunigiana.

Tempo di preparazione
15 minuti, più 1 o 2 ore per il raffreddamento


Difficoltà della ricetta

Ricetta Facilissima


Ingredienti
500 ml di latte intero
400 ml di panna fresca
80 gr di zucchero
20 gr di amido di mais (Maizena)

le dosi di questa ricetta bastano per 6 porzioni


Preparazione
Mescolare una parte del latte freddo con la maizena, usando una frusta perchè si sciolga bene senza formare grumi.

In un pentolino mescolare il latte, la panna e lo zucchero, portandolo ad ebollizione.
Aggiungere la maizena sciolta nel latte e continuare a mescolare con la frusta.
Portare a bollore e continuare per qualche minuto, sempre mescolando con la frusta, finchè non si vede il composto addensarsi un poco.

Versare in ciotoline o stampini.
Lasciare raffreddare completamente, quindi mettere in frigo ulteriormente a rassodare.

Rovesciare su un piatto per servire, accompagnando con un topping a piacere.


Immagini


Note
Altre ricette per il latte in piedi prevedono l'uso di uova o di gelatina alimentare, questa ricetta somiglia più a quella della panna cotta.

domenica 26 febbraio 2012

Pizza "alla Bonci"


Una eccellente pizza al taglio nello stile del simpatico "pizzettaro" romano. Morbida e soffice, da farcire secondo i propri gusti!

Tempo di preparazione
1 ora e 30 minuti, più 24 ore di lievitazione

Difficoltà della ricetta

Ricetta Da Esperti (*)

Ingredienti
525 gr di farina di media forza (vedi note)
395 gr di acqua
3 gr di lievito di birra
2 cucchiaini (10 ml) di sale
1 cucchiaio (15 ml) di malto d'orzo in pasta

le dosi di questa ricetta sono adatte per due tegami da 30 x 40 cm, sufficenti per 4 / 5 persone

Preparazione
L'acqua da utilizzare deve essere ben fredda, in estate è consigliabile usare dell'acqua di frigorifero.
Sciogliete bene il lievito e il malto d'orzo in poca acqua.

In una ciotola mettere la farina, quindi aggiungere il lievito disciolto e l'acqua, tenedone da parte un pochino.
Con un mestolo di legno iniziare a mescolare, con movimenti dall'esterno all'interno. Quando l'impasto comincia a stare un po' insieme, aggiungere il sale.
Aggiungere il resto dell'acqua "stracciando" l'impasto con movimenti del mestolo. Aggiungere un filo d'olio sulle pareti della ciotola, per staccarlo.
Coprire con un canovaccio e lasciare riposare per una diecina di minuti.

Rovesciare l'impasto sulla spianatoia ben infarinata, e spolverizzarlo di altra farina in superficie. A questo punto si danno i "giri": con i polpastrelli allargare leggermente l'impasto; ripiegare un lembo verso di se, prendere i due angoli anteriori, sollevarlo e girarlo di 90 gradi in senso orario.
Ripetere l'operazione tre o quattro volte, noterete che l'esterno dell'impasto si asciuga un poco.

Con l'aiuto di una spatola raccogliere l'impasto a palla e rimetterlo nella ciotola, sempre leggermente unta all'interno.
Coprire con pellicola o alluminio e mettere in frigo per 16 - 18 ore.

Rovesciare l'impasto sulla spianatoia ben infarinata, noterete che il riposo in frigo lo ha rassodato.
Tagliarlo in due con l'aiuto di una spatola e formare due pagnotte, rincalzando sotto l'impasto.
Disporle su un tagliere o tegame leggermente infarinato, coprire con un canovaccio e mettere a lievitare a temperatura ambiente (21 - 23 gradi) per 4 ore circa.

Ungere con due cucchiai d'olio ciascun tegame, quindi allargare le pagnotte sulla spianatoia ben infarinata con i polpastrelli.
Sollevare l'impasto delicatamente, facendolo scivolare sui dorsi delle mani.
Allargarlo delicatamente nei tegami in modo che abbia uno spessore uniforme.
Coprire con un canovaccio e lasciare lievitare per altre 4 ore.

Preparare gli ingredienti per condire la pizza: l'essenziale è che non risultino fradici affinchè la pizza cuocia bene.
Se si usa la mozzarella, ad esempio, è preferibile usare la treccia, facendola a pezzi con le mani, siflacciandola e lasciandola riposare in un colino per una mezz'ora circa.
Per il pomodoro è meglio usare dei pelati sogcciolati e fatti a pezzettoni.

Condire le pizze a piacimento, prefiribilmente spolverizzando prima un poco di origano, poi disponendo i pezzetti di mozzarella, qundi il pomodoro se si gradisce ed infine il resto.

Cuocere per 20 minuti in forno preriscaldato a 225 gradi: mettere il tegame nella parte bassa del forno per i primi 10 minuti, quindi spostarlo in alto.

Lasciare intiepidire prima di tagliare e servire.

Immagini

Note
(*) La principale difficoltà consiste nella manipolazione dell'impasto, molto morbido ed appiccicoso, che richiede una certa pratica.

Per una lievitazione di questa durata, è indispensabile che la farina abbia abbastanza "forza", ossia capacità di sviluppare glutine.
La "forza" della farina si misura con un valore detto "indice W". Purtroppo tale indice non viene di solito riportato sulle confezioni, ma potreste riuscire a trovare l'indice "W" della farina che utilizzate solitamente con delle ricerche in Rete.
Il valore consigliato per questa ricetta è W=240 almeno. Se non riuscite a procurarvi una farina 0 o 00 che abbia la "forza" adeguata, si possono mescolare in proporzione 70% - 30% farine 00 e Manitoba normalmente reperibili in commercio.

La proporzione tra acqua e farina indicata (tasso di idratazione) è del 75% (ossia la quantità d'acqua è pari al 75% del peso della farina).
Farine diverse assorbono più o meno acqua: fate delle prove e variate questa proporzione in funzione della farina utilizzata.

Altre ricette
Vi potrebbero anche interessare:

pizza a lunga lievitazione
pizza a lunga lievitazione

pizza al taglio
pizza al taglio

domenica 22 gennaio 2012

Torta Omnitrix

Torta Omnitrix
È l'ora dell'eroe! Una torta a forma di Omnitrix per un grande fan del personaggio, molto in tema visto che il festeggiato compie 'Ben 10' anni!

Tempo di preparazione
5 ore


Difficoltà della ricetta

Ricetta Da Esperti


Ingredienti
per il Pan di Spagna (38x38 cm)
12 uova
360 gr zucchero semolato
360 gr di farina 00
4 bustine di vanillina

per la farcia, la copertura e le decorazioni
1200 ml di panna liquida
200 gr di zucchero a velo
circa 400 gr di meringhe
pasta di zucchero q.b. in vari colori (suggerimento: preparatela così)
zucchero a velo q.b.
coloranti alimentari q.b.

le dosi di questa ricetta danno una torta di circa 30 porzioni


Preparazione
Gli elementi decorativi (quadrante, bottone, ecc.) sono stati preparati con qualche giorno di anticipo, in quanto la pasta di zucchero si conserva molto bene.

Per la torta vera e propria è stato preparato un Pan di Spagna da 38x38 cm, con 12 uova, 360 gr di zucchero semolato e 4 bustine di vanillina in una larga ciotola. Il composto va montato con uno sbattitore elettrico fino a che non "scrive" o fa "le corde" (vedi immagini). Sono occorsi circa 45 minuti.
È stata poi incorporata la farina setacciata un poco alla volta, mescolando piano con una frusta con movimenti dal basso verso l'alto.
Il composto è stato versato in un tegame ben imburrato ed infarinato, ed infornato in forno preriscaldato a 180 gradi per 35 - 40 minuti. Per controllare che la cottura sia completa, conviene infilare uno stecchino nella torta e verificare che resti asciutto.

Al momento dell'assemblaggio dal Pan di Spagna è stato prima ritagliato il quadrante centrale, poi è stato tagliato in due orizzontalmente. È stata poi preparata la panna montata e quindi farcita la prima parte della torta mettendo una metà di Pan di Spagna, panna, poi uno strato di meringhe a pezzi, quindi ancora panna e a coprire la seconda metà di Pan di Spagna.
La superficie e i fianchi della torta sono stati ricoperti con altra panna per incollare la pasta di zucchero.
La pasta di zucchero grigia e nera è stata scaldata nel forno a microonde, quindi stesa in una sfoglia sottile con cui è stata ricoperta la torta.
Il bordo inferiore è stato tagliato a filo.
Anche il Pan di Spagna del quadrante e stato tagliato in due orizzontalmente, farcito e disposto al centro della torta sopraelevandolo con uno spessore.
È stato ricoperto sul fianco con la pasta di zucchero grigia, rimboccandola nella parte sottostante.
Infine è stato posizionato il quadrante, ed incollati gli altri elementi decorativi con della glassa di zucchero.
Da ultimo sono stati applicati il personaggio in plastica e la targhetta in carta, le parti a contatto con la torta sono state avvolte con della pellicola trasparente.

La torta è stata conservata in una stanza fresca per qualche ora prima di servirla.


Immagini


Altre ricette
Vi potrebbero anche interessare:


Torta Gormiti


Torta Cars

Torta Wall-e